fbpx

Ozono Terapia

L’ozono terapia è un trattamento medico che utilizza una miscela di ossigeno e ozono come agente terapeutico per trattare una vasta gamma di malattie. Basse concentrazioni di ozono possono rivestire importanti funzioni a livello cellulare e numerosi sono stati i mec- canismi d’azione dimostrati che confermano questa evidenza clinica.

APPLICAZIONI

■  Angiologia: insufficienza venosa, ulcera diabetica, ulcera post- flebitica, ischemia, piaghe da decubito e gangrene, flebopatie, vasculopatie periferiche, arteriopatie.
■ Artropatie: ernia discale cervicale, dorsa- le e lombare, stati artrosici, sciatalgie, bra- chialgie, osteonecrosi, tendinosi e tendinopatie, borsiti.
■ Chirurgia: pre e post intervento chirurgico
■ Dermatologia: acne, eczema, lipodistrofia (cellulite), infezioni da diversi agenti eziologici.
■ Ginecologia: annessiti tubariche, bartoli-niti, infezioni batteriche e protozoarie, micosi, vaginiti, dismenorrea.
■ Malattie intestinali: morbo di Crohn, ret-tocolite ulcerosa, coliti, dismetabolismi, infezioni da Helicobacter, gastriti, ulcera gastrica, stipsi ostinate.
■ Malattie virali: herpes zoster e simplex, epatiti.
■ Neurologia: emicrania, cefalea a grappo- lo, depressione, malattie neurovascolari, demenze di varia eziologia, riattivazione neuromotoria, fibromialgia, neuropatie periferiche, nevralgie.
■ Odontoiatria: trattamento carie e disinfe- zione post chirurgia, osteonecrosi.
■ Oncologia: adiuvante nella radio/chemioterapia.
■ Sistema Immune: malattie autoimmuni, stati di immunodepressione.
■ Urologia: prostatiti, iperplasia prostatica.
■ Medicina Estetica: cellulite, teleangecta-sie, varici, linfedema, rughe.

VANTAGGI

■ Effetto antibatterico ed antivirale di tipo locale e sistemico: la somministrazione locale ha effetto battericida, fungicida e virus statico, mentre a livello sistemico si può ottenere una attivazione del sistema immunitario.
■ Azione antiossidante: la somministrazione di ossigeno-ozono induce il rilascio e l’attivazione della proteina Nrf2, con conseguente produzione di antiossidanti endogeni e miglioramento delle difese antiossidanti.
■ Miglioramento del rilascio e dell’utilizzo dell’ossigeno corporeo: mediante la somministrazione, viene aumentata la produzione di 2,3 Difosfoglicerato con spostamento della curva dell’emoglobina e conseguente maggiore cessione di O2 ai tessuti.
■ Azione immunomodulante: l’ossigeno-ozono induce la produzione di alcune citochine, e la soppressione di altre, coinvolte nella regolazione dell’attività del sistema immunitario, rendendo in tal modo possibile l’impiego sia nei casi di immunodeficienza che nelle patologie autoimmuni.
■ Azione antalgica e miorilassante: l’ossigeno-ozono induce l’inattivazione per os- sidazione dei metaboliti algogeni, inattiva le caspasi e migliora la microcircolazione locale, mediante modulazione dei livelli di ossido nitrico.

PRINCIPALI AREE DI INTERVENTO

■ Patologie vascolari

■ Patologie ortopediche

■ Ernie e protrusioni discali lombari e cervicali

■ Osteoartrosi

■ Arteriopatie periferiche

■ Malattie venose, ulcere trofiche

■ Ipodermiti indurative e lipodistrofie localizzate

■ Medicina Fisica e Riabilitativa

■ Immunopatie

■ Chemioterapia